punto-arancione-busta-arancione-attenzione-ai-dettagli
Busta arancione

Busta arancione: attenzione ai dettagli

  • 27 settembre 2016

I dettagli sono sempre importanti; quando si parla del tuo futuro previdenziale, lo sono ancora di più.

L’intenzione dell’INPS è senz’altro positiva: con la busta arancione si vuole avviare un processo di informazione per sensibilizzare i contribuenti rispetto al proprio orizzonte previdenziale e agire di conseguenza, soprattutto nel caso venissero introdotte possibilità di anticipo della pensione.

Come evidenziato da uno studio realizzato da Progetica per il CorriereEconomia, se letti frettolosamente, i risultati della simulazione contenuta nella busta arancione rischiano di sortire l’effetto contrario a quello voluto dall’Istituto presieduto da Tito Boeri.

Perché? In sintesi: le stime potrebbero essere non completamente allineate alla situazione reale del singolo lavoratore.

I dettagli da considerare con attenzione

  1. L’andamento del PIL utilizzato nella stima è diverso da quello a cui siamo abituati.
  2. Il tasso di inflazione considerato dalle elaborazioni della busta arancione è più alto di quello che si è registrato negli ultimi anni
  3. Il calcolo dell’INPS considera una carriera “piena”, senza mai un “buco contributivo” o una sospensione dell’attività lavorativa
  4. La simulazione tiene conto di una carriera fortunata: la crescita della retribuzione stimata è pari all’1% annuo in termini reali. Una situazione a cui non tutti possono sperare.

Per saperne di più

Le contromisure

In primo luogo, è innanzi tutto quello di fissare un appuntamento al Punto Arancione più vicino a te per ottenere una stima realistica sul tuo futuro previdenziale, apportando gli “aggiustamenti” necessari rispetto ai parametri standard utilizzati nella busta arancione.

Poi occorre prendere in considerazione la possibilità di avviare un percorso di risparmio orientato alla pensione futura. Non pensare che siano necessari grossi sacrifici; per ottenere buoni risultati finanziari, spesso è sufficiente un piccolo versamento, costante e per molto tempo.

Chi ha a disposizione un fondo pensione negoziale, o un fondo pensione aziendale può considerare la possibilità di aderirvi, dopo averne valutato tutte le caratteristiche, in particolar modo i costi.