punto-arancione-eta-pensione-europa-mondo
Pensioni

A che età vanno in pensione i lavoratori europei?

  • 9 novembre 2016

Un approfondimento condotto dal Servizio Politiche Previdenziali della Uil, sottolinea che, tra i Paesi UE, il nostro è tra quelli con l’età di accesso alla pensione più alta.

Quando si va in pensione in UE?

In Italia, per raggiungere la pensione di vecchiaia, occorre aver compiuto 66 anni e 7 mesi per gli uomini del settore pubblico e privato e per le donne del pubblico, mentre per le donne del settore privato sono necessari 65 anni e 7 mesi d’età.

L’Italia è seconda solo alla Grecia, dove il requisito anagrafico richiesto è pari a 67 anni, anche se nel paese ellenico, secondo lo studio pubblicato dalla Uil, sono attualmente in vigore numerose deroghe che consentono di ritirarsi con notevole anticipo (anche a 55 anni per gli uomini e 50 per le donne).

L’età più bassa è in Svezia, dove il lavoratore può decidere di accedere alla pensione compiuti i 61 anni d’età.

Se paragoniamo il requisito anagrafico del nostro Paese alla media dei paesi UE (al momento è ancora compreso il Regno Unito), si evince che per gli uomini italiani sono richiesti circa 3 anni in più.

punto-arancione-eta-pensionamento-europa

Le donne italiane che lavorano nel settore pubblico, invece, devono attendere 3 anni e 3 mesi in più delle colleghe europee, mentre per le lavoratrici del settore privato la pensione di vecchiaia matura 2 anni e 3 mesi dopo rispetto alla media UE.

Oltre alla già citata Grecia, per le donne che operano nel settore privato, solo l’Irlanda ha un’età di pensionamento leggermente superiore a quella dell’Italia: 66 anni rispetto ai 65,7 anni.

punto-arancione-eta-pensione-europa-donne

E nel mondo?

Il confronto con i Paesi OCSE è sostanzialmente simile a quanto emerso dal contesto europeo.

In media, gli uomini dei paesi OCSE raggiungono la pensione di vecchiaia compiuti i 64,7 anni d’età, che diventano 63,5 per le donne.

punto-arancione-eta-pensione-mondo

Se guardiamo invece alle maggiori economie mondiali, il confronto potrebbe non essere pienamente significativo in ragione delle dinamiche demografiche, in alcuni casi, diverse da quelle che si registrano in Europa.

Guardando alla situazione delle maggiori economie mondiali, l’età di pensionamento è inferiore ai casi esaminati in precedenza, sia per gli uomini, che per le donne. In media, la pensione di vecchiaia per gli uomini si raggiunge ai 61,1 anni d’età, mentre per le donne a 58,3 anni.